Logo "IntornoAme" con grafica stilizzata.

Cutro: un gioiello calabrese tra storia e tradizione

Indice

Indice

Benvenuti a Cutro, un piccolo comune nel cuore della Calabria che racchiude un ricco patrimonio storico e culturale. Questa località affascinante è nota per le sue antiche tradizioni, i suggestivi paesaggi e la calorosa accoglienza dei suoi abitanti. In questo articolo, esploreremo la storia e le tradizioni di Cutro, per scoprire cosa rende questo luogo così speciale.

Storia di Cutro

Le origini di Cutro risalgono all’epoca romana, quando la città era conosciuta come “Cotrone” e faceva parte della Magna Grecia. Nel corso dei secoli, Cutro è stata dominata da varie potenze, tra cui i Bizantini, i Normanni e gli Aragonesi. Questo ricco passato storico si riflette nell’architettura del centro storico, con le sue chiese antiche, i palazzi nobiliari e le stradine medievali.

Uno dei luoghi più iconici di Cutro è il Castello Aragonese, una imponente fortezza che domina la città dall’alto. Costruito nel XIV secolo, il castello è stato testimone di numerosi eventi storici e rappresenta un importante simbolo del potere feudale dell’epoca.

Tradizioni di Cutro

Una delle tradizioni più celebri di Cutro è il “Gioco dell’Arco”, una competizione che si tiene ogni anno durante la Settimana Santa. Questo antico rito, che risale al XVI secolo, vede i tiratori scagliare frecce contro un bersaglio in movimento, simboleggiando la lotta tra il bene e il male. Il Gioco dell’Arco attira visitatori da tutto il mondo, che rimangono affascinati dalla maestria e dalla precisione dei partecipanti.

Un’altra tradizione importante di Cutro è la festa di San Rocco, il santo patrono della città. Ogni anno, il 16 agosto, i cittadini si riuniscono per celebrare la vita e le opere di San Rocco con processioni, messe solenni e festeggiamenti in onore del santo protettore.

Paesaggi e cucina

Cutro è situata in una posizione privilegiata, circondata da colline verdi e da un mare cristallino. I panorami mozzafiato offrono una cornice perfetta per escursioni in natura, passeggiate rilassanti e gite in bicicletta. Gli amanti della natura troveranno in Cutro il luogo ideale per staccare dalla routine e immergersi nella bellezza incontaminata della Calabria.

La cucina di Cutro è un vero tesoro gastronomico, con piatti tradizionali che riflettono la ricchezza della terra e del mare circostanti. Tra le specialità da non perdere ci sono i famosi “fileja alla salsiccia”, la “melenzane ripiene” e i dolci tipici della tradizione calabrese. I ristoranti locali offrono un’esperienza culinaria autentica, con ingredienti freschi e sapori genuini che conquistano il palato di chiunque.

Conclusion

Cutro è senza dubbio un gioiello calabrese, un luogo dove la storia si mescola con la tradizione per creare un’atmosfera unica e affascinante. Visitare Cutro significa immergersi in un mondo ricco di sorprese, dove ogni angolo racconta una storia e ogni tradizione è viva e pulsante. Con i suoi paesaggi mozzafiato, la sua cucina deliziosa e le sue antiche tradizioni, Cutro è una destinazione imperdibile per chi desidera scoprire il vero cuore della Calabria.

FAQs

Qual è il periodo migliore per visitare Cutro?

Il periodo migliore per visitare Cutro è durante le festività locali, come la Settimana Santa o la festa di San Rocco, quando la città si anima di eventi e celebrazioni tradizionali.

Come raggiungere Cutro?

Cutro è facilmente raggiungibile in auto, con la SS 106 che collega la città agli altri centri della Calabria. In alternativa, è possibile arrivare in treno alla stazione di Cutro, servita da treni regionali.

Cosa vedere a Cutro?

A Cutro, non perdete il Castello Aragonese, il Gioco dell’Arco durante la Settimana Santa e la festa di San Rocco il 16 agosto. Inoltre, godetevi i panorami mozzafiato e i piatti tipici della cucina calabrese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *